Asciuttissimi
L'assorbenza made
in franchising.
Asciuttissimi è il nuovo progetto di retail europeo che porta al consumatore finale la qualità della farmacia a prezzi da grande distribuzione.
logo
Via del progresso, 16 - 35129 Padova- Italy
Email: info@asciuttissimi.it
Telefono: +39 049 79 66 432
Fax: +39 049 82 52 851
Search here:

Blog

Home > Blog Asciuttissimi  > Vescica iperattiva: un problema che tocca oltre tre milioni di italiani

La vescica iperattiva riguarda in Italia oltre 3 milioni di persone, il 60% donne di età compresa tra i 35 e i 75 anni ed è un problema che provoca un bisogno improvviso di urinare. Un impulso che può essere definito incontinenza quando la perdita di urina è involontaria e fuori controllo. In pratica, quando l’urina lascia i reni e arriva fino alla vescica, quest’ultima si espande come un palloncino per ospitarla.
Quando la vescica ha raggiunto un terzo della sua capacità i segnali nervosi avvertono il cervello e si ha lo stimolo alla minzione. Quindi, i sintomi della vescica iperattiva si verificano nella maggior parte dei casi perché i muscoli della vescica si contraggono in modo involontario e questa contrazione crea il bisogno urgente di urinare. Tuttavia, in alcune persone questo impulso è puramente sensoriale il  che significa che si potrebbe sentire il bisogno di urinare anche se i muscoli non sono coinvolti. Vari sono i fattori che contribuiscono all’insorgere di questo problema.
Il progredire dell’età, perché con l’avanzare degli anni le capacità vescicali tendono a ridursi; la menopausa, l’obesità, le alterazioni funzionali, le infezioni delle vie urinarie, l’assunzione di farmaci, il fumo, le malattie neurologiche, il ritardato controllo della minzione nell’infanzia sono alcune di esse.  I sintomi che possono indurci il sospetto di vescica iperattiva sono il forte bisogno di urinare, la perdita involontaria di urina immediatamente dopo un un bisogno urgente di urinare; minzioni frequenti, da otto volte in su in 24 ore; l’istinto di svegliarsi due o più volte nella notte per urinare.  Vi sono però altri fattori che danno segni o sintomi simili. Ad esempio disturbi neurologici, scarsa funzionalità renale, diabete, infezioni acute del tratto urinario, anomalie della vescica o calcoli vescicali.

Anche un consumo eccessivo di caffeina o alcol e farmaci diuretici possono avere un effetto nefasto sulla vescica.  A volte individuare esattamente le cause specifiche della vescica iperattiva non è semplice. Il ginecologo,  attraverso l’esame vaginale, può indagare la presenza di eventuali prolassi e  la funzionalità dei muscoli del pavimento pelvico e prescrivere esami urodinamici, che sono utilizzati per valutare la funzione della vescica e la sua capacità di svuotarsi progressivamente e completamente. Esistono inoltre delle prassi strategiche per aiutare a gestire la vescica iperattiva. Ad esempio, determinare la tempistica del consumo di liquidi; allenarsi a ritardare la minzione quando si sente il bisogno di urinare; determinare un programma per andare in bagno in modo da urinare alla stessa ora ogni giorno, effettuare esercizi per il pavimento pelvico per aiutare a rafforzare la muscolatura del pavimento pelvico e dello sfintere. Si può inoltre imparare a svuotare la vescica con un catetere utilizzato periodicamente durante la giornata e si può indossare un assorbente intimo per proteggere l’abbigliamento ed evitare incidenti imbarazzanti se si soffre di incontinenza.

Oltre alle terapie  farmacologiche, pare esistano rimedi a base di erbe molto efficaci. Ad esempio, alcuni studi realizzati in Giappone hanno rilevato  che il gosha-jinki-gan  porta alla riduzione della frequenza urinaria, delle contrazioni della vescica e della minzione notturna sia negli uomini che nelle donne.

La pianta del bucco è un rimedio a base di erbe ampiamente impiegato in Sudafrica nei casi di infezioni di vescica e reni. Questa pianta, infatti, ha proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e diuretiche, che puliscono e risanano l’apparato urinario.

Alcune ricerche mediche hanno scoperto che le proprietà antinfiammatorie della palma nana (o Serenoa Repens) ridurrebbero l’urgenza di urinare, specialmente nel caso di uomini che soffrono di prostata ingrossata.

Gli integratori di vitamina C sono raccomandabili, visto che hanno la capacità di combattere lo stress ossidativo, che può irritare i nervi intorno alla vescica e causare una perdita del controllo urinario.

Anche la  quercetina è un rimedio antinfiammatorio naturale che si relaziona alla riduzione dell’urgenza associata alla vescica iperattiva.