Asciuttissimi
L'assorbenza made
in franchising.
Asciuttissimi è il nuovo progetto di retail europeo che porta al consumatore finale la qualità della farmacia a prezzi da grande distribuzione.
logo
Via del progresso, 16 - 35129 Padova- Italy
Email: info@asciuttissimi.it
Telefono: +39 049 79 66 432
Fax: +39 049 82 52 851
Search here:

Blog

Home > Blog Asciuttissimi  > Consigli Utili  > Episiotomia: meglio di no! (e meglio il nostro Epi-No)

Chi ha partorito sa bene di cosa stiamo parlando: dell’episiotomia, quel taglio che i medici praticano mentre il bambino è nel canale vaginale e sta uscendo, per facilitare l’espulsione del bimbo. In pratica, ciò che viene tagliato è il perineo, muscolo situato fra l’ano e la vagina. Una recisione svolta in anestesia locale e quasi indolore al momento in cui viene effettuata; ma i dolori sono postumi e quel che è peggio, spesso le conseguenze sono pesanti perché quel taglio perineale profondo può causare con l’avanzamento dell’età incontinenza urinaria da sforzo, minore tonicità ed elasticità del muscolo pelvico, danni al retto o agli sfinteri anali, fistole retto-vaginali.

Quindi l’episiotomia non è affatto da sottovalutare. Eppure è praticata su 1.6 milioni di donne ogni anno in Europa con conseguenti “difetti allo sfintere” nel 41% dei casi e “danni allo sfintere” nel 4.4% dei casi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda che non venga praticata in più del 10, 15% dei casi, in presenza di rischio di vita per la mamma o per il bambino o di possibili, gravi lacerazioni. Si è infatti constatato che i tessuti leceratisi naturalmente si riparano meglio rispetto a quelli che vengono recisi.
L’episiotomia rende inoltre più dolorosa la ripresa dei rapporti sessuali. Insomma, porta una serie di inconvenienti che vengono scoperti nel corso del tempo. Secondo alcuni studi la probabilità di incontinenza è di 2.59 volte più alta successivamente a parti vaginali. Quindi, se si è stati sottoposti a una pratica di questo tipo è il caso di farsi fare un test perineale con un’ostetrica, per valutare quanta tonicità si è persa. Inoltre, è il caso di fare esercizi per allenare il pavimento pelvico.

Già prima (e poi nel corso) della gravidanza bisognerebbe avere un pavimento pelvico tonico ed elastico. Come? Con la ginnastica perineale. Con olii naturali, come quello di mandorla, per massaggiare il perineo uno o due mesi prima del parto.

Ci sarebbe un altro metodo, che propiniamo nel nostro network Asciuttissimi: Epi-No, un accessorio studiato per allenare dolcemente la muscolatura pelvica evitando che si renda necessaria la pratica dell’episiotomia. E capace di ri-tonificare la muscolatura post partum. Vi racconteremo tutto nel prossimo post!